Ti Trovi In:Home » Lettera F » Fumetto SM
Fumetto SM

Scritto da:

Una illustrazione, ma ancor di più un fumetto si presta assai bene a descrivere fantasmi SM che male si potrebbero conciliare con possibilità reali. Iperbole che vanno in alto dove la pratica non deve andare.
Ma il fumetto è anche strumento adatto per entrare in dimensioni di tempo e spazio diversi da quelli che noi viviamo consentendo così storie fantastiche, trame dove la fantasia regna sovrana ed in tal modo catturando attenzione di chi guarda/legge.
Non le illustrazioni, ma il fumetto SM nasce sostanzialmente in tempi recenti.
Ma già gli anni ’50 contano negli Usa nomi divenuti celebri come Stanton ed Eneg nonché tanti validi illustratori di storie (qualcosa di diverso dal fumetto classico).
In Italia bisogna attendere la metà degli anni ’60.
G. Crepax, scomparso nel 2003, crea una figura mitica: Valentina. Le sue prime tavole sono del lontano 1963 (65?) e non poche critiche piovvero su Crepax soprattutto dalle femministe. Il fumetto Valentina si articola su più livelli e solo quello onirico è pieno delle fantasie masochistiche di Valentina che di giorno mostra  invece carattere per nulla sottomesso.
A qualche anno di distanza (1966) esce nelle edicole un prodotto di tutt’altra natura, ma che finisce nelle mani di tantissimi che sono richiamati da disegni in copertina molto allettanti. Il fumetto è Isabella. Creato da Giorgio Cavedon e disegnato da Sandro Angiolini.  Sono storie di avventure erotiche, ma dove spesso ci scappa una fustigazione o una sculacciata. Isabella le dà e le prende con una disinvoltura che non può non solleticare la fantasia di moltissimi lettori. Questo fumetto diventa un cult tra i nascenti appassionati di SM. Ed anche un film.
(vedi http://www.gabbia.com/il_blog_gabbia/isabella-fumetto-sm-anni-60)
Nel frattempo Crepax prosegue con illustrare libri come l’Histoire d’O  e Justine. Saudelli sforna invece una serie di lavori dove il feticismo del piede e il bondage sono messi in grande risalto.
Dentro la produzione erotica di disegnatori come Manara o Baldazzini spunta spesso l’SM così come il fetish è proprio di Cristina Fabris, romana giovanissima.
Su un altro piano disegnatori come Leone Frollo o Sardax che si avvicinano ad un tipo di fumetto molto diffuso in Francia o Inghilterra che è solo ed esclusivamente SM.
La Francia con la sua “bande dessinée SM” vanta una cultura di grande rilievo con artisti come  Pichard, Farrell, Xavier Duvet, J.C. Baboulin. Ed ha avuto per molti decenni validi distributori esclusivi di questo tipo di fumetto.
Per l’Inghilterra vanno di certo citati Paula Meadows fumettista di storie spanking  nonché un pilastro come Erich von Götha.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


tre × = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>