Caffetteria

Gabbia è un sito e un sito per definizione sta dentro il virtuale. Gabbia però è nata tanti anni fa’ con l’obiettivo di un passaggio dal virtuale al reale. Cosa sono gli annunci di Gabbia se non questo ponte?

Oggi, aprile 2017, v’è un altro passaggio importante. Un luogo, una volta al mese, dove incontrarsi non per chattare ma per stringersi la mano con un … “ciao io mi chiamo ..”

Non dunque per chattare ma neppure per giocare, bensì quella necessaria fase di conoscenza che solo l’incontro di persona può dare.

Nasce così la Caffetteria, luogo  voluto da molti che frequentano il sito Gabbia e aperto ovviamente a tutti e non solo a loro. In tal senso di questa iniziativa se ne parla su vari social network del mondo SM.

Altro qui è inutile dire perchè al link qui sotto, che rimanda agli Eventi della Community, è detto tutto fin nei minimi dettagli compreso un indirizzo mail per chi ha ancora qualche domanda.
Ed una domanda che qualcuno ha già posto è il perchè di questo nome cosi … banale di
Caffetteria.
Caffetteria vuol dire semplicità, posto non impegnativo e qui a tal punto easy che non v’è neppure il barista, ma sul bancone la macchinetta per farsi da soli un caffè e un brico di acqua calda e bustine per farsi delle tisane. E qualche pasticcino.
Posto veramente solo per
noi e che ambientazione, luci, musica sono pensate ad un posto solo per noi.

Qualche altra notizia – compresi i costi ! – la trovi negli Eventi della Community di Gabbia. Qui il link

https://community.gabbia.com/m/events/view/La-Caffetteria-21-Maggio-2017


 

This entry was posted in FESTE, SM in generale. Bookmark the permalink.

18 Responses to Caffetteria

  1. Selvaggia says:

    Splendida e lodevole iniziativa. Onore a voi che credete e che con la vostra forza trasmettete speranza e realtà . Ce ne fossero di persone e location simili. Purtroppo nella mia regione…Liguria..un posto simile chiuderebbe dopo due giorni visto che in città l’economia è ferma e le persone sono ancora più statistiche dell’economia materialmente e psicologicamente.
    Siete grandi….
    Auguroni!
    Selvaggia

  2. Piero says:

    Condivido quanto detto da Selvaggia: vivo in Emilia e un mese addietro ho provato – tramite un altro sito – ad organizzare una chiacchierata informale. Come avete detto voi….macchinetta del caffè e magari qualche pasticcino, ma anche un bel bar e due chiacchiere. Risultato ? Zero !
    Eppure direi che di schiavi/e come di mistress/master ce ne sono…ma forse sono troppo interessati al business e meno alle chiacchiere, ad una piacevole conoscenza, che invece sarebbe fondamentale !
    Comunque, non demordete, davvero una grande iniziativa !!
    Piero

  3. eccomiqui says:

    E’ un iniziativa lodevole, ma purtroppo a me pare che l’Italia sia un paese ancora molto retrogrado per qualcosa del genere, inoltre io vivo a Torino e la mia città è ulteriormente retrograda rispetto ad esempio a Roma e Milano e a volte anche ad altre.
    Vorrei tanto che ci fossero delle iniziative anche a Torino, chissà un giorno forse oh no?

  4. eccomiqui says:

    E’ un’iniziativa lodevole, ma a me pare che l’Italia sia ancora un paese un po’ troppo retrogrado per queste cose, inoltre io vivo a Torino che è una città ulteriormente retrograda rispetto a Roma, Milano e magari anche ad altre città, che dire la speranza è sempre l’ultima a morire o no?

  5. EducatoreSevero says:

    Non voglio fare pubblicità a nessuno, ma a Roma questi “momenti informali” settimanali sono già attivi da una decina d’anni, con un successo costante.
    Questo per dire che l’iniziativa della Caffetteria milanese non ha ragioni per non ottenere il seguito che si merita. Certo, occorrono masse critiche (un minimo di appassionati) che Roma e Milano certamente hanno e che altre città magari no.

    Quindi molti auguri alla Caffetteria.

    • Luca says:

      A questi raduni non credo , per ogni donna bi sono 20 uomini con la lingua di fuori, quindi che succede? La donna furbescamente sentendosi merce rara mercifica se stessa, quindi nulla succede spontaneamente ma solo a pagamento , sono anche molto care

  6. Clitona says:

    Iniziativa lodevole, davvero lodevole. Mi piacerebbe molto conoscere degli amanti dei muscoli femminili e del clitoride grande… come sono io!
    Spero si diffonda questa “tradizione”, nel frattempo vorrei mostrarvi il mio corpo sul mio sito web clitotransform.com

    • Max says:

      Ciao,io sono un estimatore delle donne con le tue caratteristiche,sono di Torino ma non avrei problemi a venire a Milano per conoscerti se tu parteciperai all’evento,se ti va dammi comferma,un saluto

  7. schiavo33milano says:

    Buonasera, sono uno schiavo di 33 anni di Milano, credo che domenica sarò al Nautilus, qualche Padrona frequentatrice del sito verrà a bersi un caffe?

  8. cristian says:

    Ciao, sono un ragazzo 33 enne, alto 1.81 della prov.di milano.
    domenica sarò al nautilus per fare nuove conoscenze e cercare di approfondire il mondo del bdsm.
    Io preferisco dominare, ma a volte mi piace lasciare un po l’iniziativa alla ragazza, quindi sto cercando una ragazza a cui piaccia essere slave, ma anche un po master.
    Mi piacerebbe approfondire e conoscere meglio il mondo del bdsm, perciò se ti va anche solo di parlarne e farci una bella chiacchierata scrivimi alla mia mail.

  9. Franz says:

    Ciao a tutti. Visto che il sito è attualmente in manutenzione, mi diletto a scrivere qui. Vivo in Emilia Romagna, a Bologna e posso confermare come hanno scritto altri che, oltre al caldo afoso qui, conoscenze semplici non si riescono a fare. Purtroppo noto anche che la maggior parte delle singole o coppie che vogliono giocare, lo fanno dietro un compenso mercenario, lontano dai miei principi.
    Sono un professionista, medico e master e nonostante sia a Bologna da circa dieci anni, ho conosciuto coppie ciarlatane che danno aria alla loro bocca, si esaltano ma quando arriva il momento di giocare,si tirano indietro. Non nascondo le mie perplessità. Mi spiace molto che la caffetteria sia in altro luogo, forse se ci fosse anche da queste parti l’iniziativa, si aprirebbero altri orizzonti. Ciao a tutti.

  10. Piero says:

    Perché non provare nel “cuore” dell’Emilia, dove culatello e parmigiano si sposano alla perfezione ?
    Dunque, perché non provare la caffetteria a Parma ?
    Ci sono belle donne (tante! e secondo me anche tante storie piccanti….come in tutte le piccole città…), ci sono tati schiavi (più Dom vengono regolarmente in tour) e quindi..perché non provare ???
    Sarebbe un modo carino e divertente per dirsi….ciao, piacere di conoscerti….
    Cosa ne pensate ????

  11. Samy says:

    Bellissima iniziativa..peccato che l’unica location di trova a piu di 700km da me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

16 + 13 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>