Attrezzature BDSM – Fare o acquistare

Revisione di un vecchio articolo di Master Ita pubblicato su Accademia-Gabbia

Nella gran parte dei giochi l’attrezzatura bdsm può anche essere minima e ciò che conta molto di più è la partecipazione dei partner ed il loro affiatamento affinché il tutto riesca soddisfacente.
Naturalmente almeno un minimo di oggetti rimane importante possederli, le scene hanno spesso un forte impatto visivo e l’attrezzatura è parte integrante di questo immaginario visivo. Una mistress si fa immediatamente riconoscere per l’uso della voce, per lo sguardo, per i gesti ed i modi, ma allo stesso modo si fa riconoscere come tale se impugna un frustino o indossa un capo di abbigliamento appropriato.
Il problema rimane sempre dove e come procurarsi questa “riserva” di oggetti.
La soluzione più ovvia sono i sexyshop che hanno tutti una sezione dedicata al bdsm.
Ma anche internet brulica di siti il cui unico scopo è attrezzare schiavi e padroni. Ma non è così semplice

I Sexyshop
Come accennato tutti hanno oramai la sezione bdsm, purtroppo però esse sono spesso sacrificate e molto poco ampie inoltre gli oggetti esposti sono dozzinali e purtroppo carissimi.
Per fare un esempio concreto è difficile trovare un paio di manette degne di questo nome ovvero con il double-lock e stampate con un metallo che non sia uguale a quello delle lattine di birra. La stessa cosa si vede con le fruste, pochissimi modelli tutti simili e dalle caratteristiche a dir poco “caserecce”, come le clamps per capezzoli e relativi pesi.
Nessuno vuol criminalizzare questi negozi che rimangono comunque buoni spunti di partenza per le ricerche di oggetti, essi vivono grazie a ben precise scelte commerciali e non possono certo tenere in esposizione attrezzatura per migliaia di euro nella speranza che un master compri un giorno una bullwhip o la gogna medioevale del peso di 100 Kg.

Internet
Internet soffre del difetto opposto, c’è troppo da comprare, sembrerebbe un paradosso ma fra le centinaia di siti è difficile capire chi vende oggetti validi e chi, dietro foto e modelli splendidi, rifila pacchi degni del peggior sexyshop italiano. Certo il passaparola degli amici aiuta ma rimangono i limiti del pagamento: l’uso della carta di credito è un must e della spedizione della merce (o non spedizione se ci imbattiamo in qualche sito poco serio). Ricordate che se comprate fuori dall’area dell’Unione Europea gli oggetti passano la dogana, sentirsi telefonare dai finanzieri perché le nostre manette pagano un dazio più alto di quello ipotizzato potrebbe non far piacere.

Estero
L’acquisto diretto nei sexyshop esteri è un’alternativa valida ma solamente per chi già viaggi per lavoro o per piacere, andare ad Amsterdam per comprare un paio di manette risulterebbe altrimenti alquanto costoso.
In molte città europea i sexyshop sono particolarmente attrezzati se non addirittura specializzati ed i prezzi, seppur alti, migliori dei nostri; la cosa più importante però rimane la possibilità di scelta.
A Parigi come a Londra, ad Amsterdam come a Berlino esistono negozi che commerciano attrezzature favolose ed introvabili qui da noi. Fuck-machine, cinture di castità maschili e femminili, tazze WC speciali per i giochi di pissing, sacchi lattice XXX, gabbie di tutti i generi, croci di S.Andrea che sono invece ruote che girano con il sub bene attaccato sopra, siringoni e bardex per i clisteri ecc ecc.
Oggetti che i nostri negozi non possono tenere per la scarsa domanda di queste attrezzature bdsm così specifiche.
Per gli oggetti tradizionali i prezzi sono certamente più alti che nei siti internet ma la qualità, la scelta e la possibilità di “maneggiare” la merce rimangono ineguagliabili.

Faidate
La tecnica del riciclo e del faidate rimane quindi spesso la soluzione migliore per dotarsi di una attrezzatura adatta alla bisogna. Ma ci vuole tempo, capacità e saper trovare il materiale giusto.
Uno dei pregi del fai da te è quello di assaporare meglio l’oggetto. Un oggetto che è costato fatica più che soldi e che uno ha costruito in funzione delle sue esigenze.

Conclusioni ossia qualche consiglio pratico.
Fruste e frustini si possono comperare in coramerie e negozi di equitazione. Essi vendono fruste e frustini a prezzi irrisori se confrontati ai sexyshop,
Clip e pesi per capezzoli si possono trovare in negozi di tendaggi. Hanno clip a sufficienza e pochi colpi di lima sono sufficienti per eliminare i denti troppo aguzzi.
I pesi si trovano nei negozi di pesca sportiva in tutti i formati possibili immaginabili.
Collari e guinzagli: qualsiasi negozio per animali ha una fornitura di collari e guinzagli che nessun sexyshop potrebbe mantenere. Gli oggetti sono praticamente gli stessi ma il prezzo ovviamente no.
Attrezzature per il clinical. Ci sono in tutte le grandi città dei rivenditori di materiale clinico. I clienti di questi rivenditori sono perlopiù medici che devono attrezzare un loro studio ed anche le tante infermiere che fanno servizio domiciliare. Li si trova tutto quello che può servire per il clinical, dai cateteri a enteroclismi a divise e mascherine.

This entry was posted in Vecchia "Accademia". Bookmark the permalink.

Comments are closed.